Se si vuole realizzare un sito web a Roma è indispensabile essere in grado di individuare il partner più giusto in relazione alle proprie esigenze.

Una presenza su Internet rappresenta uno strumento fondamentale per avere la possibilità di fare business e di aumentare il numero di potenziali clienti. La cura dell’impatto grafico, una struttura chiara e trasparente, un ottimo posizionamento sui motori di ricerca: non si tratta di elementi distinti gli uni dagli altri, ma di variabili che sono interconnesse per garantire il successo di un sito.

Oggi, per la realizzazione di siti web a Roma è consigliabile optare per le soluzioni dinamiche, che dal punto di vista tecnologico possono essere considerate più avanzate rispetto a quelle statiche. Che differenza c’è tra le due realtà? Nel caso di un sito web statico, il contenuto delle pagine – che si tratti dei file multimediali, dei testi, e così via – è destinato a rimanere costante nel tempo, e può essere cambiato solo con l’intervento di un esperto del settore; nel caso di un sito web dinamico, invece, tale contenuto è elaborato e complesso, strutturato in modo tale da soddisfare le esigenze degli internauti. Variabile a seconda dei casi, insomma.

Per l’elaborazione delle pagine web, è importante conoscere il server web: si tratta di un servizio attivo in hosting su un server che accoglie le richieste dei clienti (richieste che gli utenti inoltrano attraverso i browser) in modo tale da poter elaborare le informazioni desiderate e inviarle in formato Html con un protocollo Http. Più nel dettaglio, una volta che la richiesta è stata inviata dal client browser al server web, il tipo di file richiesto può essere elaborato a seconda dei casi. Se la richiesta è per una pagina statica, la pagina stessa viene cercata all’interno del server, e il file in formato Html viene inviato senza ulteriori modifiche. Se la richiesta è per una pagina dinamica, invece, essa viene cercata all’interno del server, prima che il codice della pagina venga eseguito: a quel punto il contenuto può essere creato in maniera dinamica, attraverso il prelievo dal database dei dati necessari.

Al di là degli aspetti tecnici, la realizzazione di siti web a Roma implica la necessità di definire con precisione, e in maniera preventiva, gli obiettivi che si desidera raggiungere.

Andare online senza aver prima stabilito una strategia di digital marketing adeguata non solo è inutile, ma è addirittura dannoso: un vero e proprio spreco di risorse, dal punto di vista economico e non solo, che non può portare a niente di buono. Si tratta, quindi, di delineare le ragioni della presenza sul web e le modalità con cui essa deve essere messa in pratica.

La targettizzazione è uno degli aspetti più rilevanti: bisogna conoscere il proprio pubblico e sapere a chi ci si deve rivolgere per avere successo. Se così non fosse, sarebbe come sparare nel mucchio: d’accordo, qualche munizione potrebbe andare a segno, ma molte altre si perderebbero. Nel caso in cui si sappia già dove mirare, invece, tutto è più facile: perché – sempre proseguendo la metafora – si sa quali sono le prede a cui sparare, quali sono le armi più indicate per farlo, e così via.

Nel momento in cui ci si dedica alla realizzazione di un sito web a Roma, si dà vita a un progetto di comunicazione online che deve essere articolato con la massima attenzione: il riferimento è anche alla necessità di produrre contenuti di qualità. Ma che cosa si intende per contenuti di qualità? Prima di tutto, essi devono essere originali: non possono essere copiati non solo per questioni di etica e di correttezza, ma soprattutto perché i motori di ricerca penalizzano i contenuti duplicati e le pagine che li ospitano. Inoltre, devono essere utili: il che vuol dire che devono fornire delle informazioni concrete ai lettori, senza troppi giri di parole. Ancora, devono essere pertinenti e interessanti, in grado di assecondare i bisogni degli internauti.

I testi scadenti servono a poco o nulla, ma d’altra parte è poco utile aggiornare un sito con una frequenza ridotta: per esempio, il blog di un’azienda non può pubblicare un post una volta ogni due mesi, anche perché in questo modo darebbe l’impressione di una scarsa attenzione rispetto alla propria presenza sul web. Sono molti, comunque, i motivi per i quali vale la pena di inserire contenuti interessanti e concreti: per esempio, per fidelizzare i lettori.

Un internauta che sbarca su un sito e si ritrova alle prese con un testo vago e pieno di informazioni ridondanti non sarà certo invogliato a farvi ritorno

Diverso sarà il caso di un contenuto approfondito e capace di trasmettere nuove conoscenze a chi ne usufruisce. Stabilire una linea editoriale precisa è un altro obiettivo per chi si occupa della realizzazione di un sito web a Roma: un paio di post ogni settimana rappresentano il traguardo da raggiungere, anche se molto impegnativo.

Uno degli aspetti a cui si può pensare, poi, è la creazione di un logo: così come un brand di abbigliamento ha bisogno di un marchio, anche un sito può essere valorizzato da un segno grafico distintivo, che ne faciliti il riconoscimento. Chiaramente, se il sito non è altro che il riflesso sul web di un’azienda, il logo è già bell’e pronto, e sarà quello della società. Negli altri casi, pero, c’è bisogno di rivolgersi a un professionista del settore per trovare una proposta originale: il fai da te è vietato, perché non c’è niente di peggio di un sito che dia l’impressione di essere amatoriale.

Infine, un fattore che merita di essere valutato è la scelta dell’hosting: ogni sito va ospitato su un server, il che significa che occorre comprare in un servizio di hosting uno spazio web. Per trovare una soluzione adeguata, è bene verificare l’uptime dell’hosting: se è inferiore al 99.99% è meglio volgere il proprio sguardo da un’altra parte, poiché si tratta di un hosting soggetto a crash con una frequenza non accettabile e che, quindi, è destinato a rivelarsi non affidabile. Per quel che concerne le prestazioni, i tempi di risposta minimi devono essere al massimo di 200 millisecondi.

Condividi